venerdì, luglio 20, 2018
Eating Out

SOCIAL E FOOD: CHI MANGIA SANO È PIÙ FELICE

Una ricerca statunitense basata su tag e foto ha dimostrato che mangiare bene e tenersi in forma aiuta ad essere più felici

Come stai? «Bene, ho postato sedano taggandolo con #felicità»

Ok, messa così sembra una sciocchezza, ma lo studio pubblicato dal Journal of Medical Internet Research Public Health and Surveillance e condotto negli Stati Uniti è riuscito a mappare il paese in base ai tweet e alle foto in cui gli hashtag facevano trasparire una maggiore soddisfazione degli utenti.

Secondo lo studio gli americani non brillano per felicità. I piatti fotografati, infatti, non sono tra i più rassicuranti: caffè, alcol (birra e vino in primis), pizza e BBQ.

A questi piatti, però, non sono associati hashtag che danno un senso di soddisfazione personale, cosa che invece capita quando ad essere fotografati sono piatti salutari o proprie scene d’attività fisica.

Secondo la mappa, inoltre, sia l’attività fisica che il cibo salutare sono postati per la maggior parte nelle zone che godono di maggior benessere economico. In più, l’associazione tra tag positive e cibi sani è anche piuttosto scontata: mangiare bene non dà luogo a sensi di colpa e fare attività fisica gratifica.

Se, però, negli USA sono soltanto il 16% gli utenti che postano cibi salutari, in Italia la percentuale sembra aumentare. Secondo Coldiretti, infatti, il 53% delle ricerche concernenti il food in Italia è correlato alla qualità degli alimenti.

Insomma, vengono i brividi anche solo a pensarlo, ma Twitter conferma Feuerbach, il padre del materialismo tedesco. Quindi sì, “Der Mensch ist was er isst”, l’uomo è ciò che mangia, e twitta…

This post is also available in: English (Inglese)

Fabrizio Doremi
Mi chiamo Fabrizio Doremi e sono un matematico. Ho cominciato a lavorare come consulente IT a 21 anni, poi ho seguito per sei anni lo sviluppo del progetto Conad.it (l’azienda con le persone oltre le cose) e a 28 anni ho fondato Wiloca, con cui ho curato il restyling digitale di Gambero Rosso. E tra il cibo venduto e quello mangiato mi è saltata in testa Foodiestrip. E adesso è realtà. E dato che ho appena passato i quaranta, è arrivata l’ora di tornare all’università per prendere una laurea in scienze della comunicazione. Che se i numeri dovessero venir meno, avrò parole per compensare.