mercoledì, aprile 25, 2018
Cocktail
Eating Out

VALUTARE UN BUON COCKTAIL: QUALCHE REGOLA UTILE

Per valutare un cocktail si devono tenere a mente alcune piccole regole, da cui potrete partire per approfondire.

Per capire se Mr. Jerry Thomas sarebbe stato orgoglioso del barman (o, meglio, bartender) per il coktail che vi ha preparato, è necessario tenere a mente alcune regole.

Regola 1, valutare l’aspetto: Guardatelo!

L’aspetto di qualsiasi bevanda o piatto, inutile auto-ingannarci, è di importanza decisiva. Fate caso al bicchiere utilizzato, al colore (che deve evocare gli ingredienti) e alla decorazione, che deve essere adeguata al cocktail e al contenitore. Affidatevi al buon gusto, se ne avete. Se non ne avete, ad orario aperitivo in tv ci sono i quiz…

Regola 2, valutare l’odore: Annusatelo!

Non è feticismo e non è cafoneria. Come per il vino, annusare un cocktail è fondamentale. Dal punto di vista olfattivo prendete in considerazione equilibrio, intensità e il mix tra le due: il bilanciamento.

Regola 3, valutare il sapore: Assaggiatelo!

Quando assaggiate un cocktail badate all’equilibrio dei sapori e alla quantità dell’alcol, che non deve essere mai esagerato. L’alcol, infatti, desensibilizza le vostre papille. Valutate la sensazione che provate, la rotondità e l’astringenza del miscelato. Ah, non dimenticate di valutare la sensazione retro-olfattiva (il retrogusto), poiché quello è il momento in cui si ampliano e mutano i sentori del cocktail. N.B. L’astringenza è sempre negativa.

Regola 4, valuatare la corrispondenza qualità-prezzo: Occhio al portafoglio!

Il prezzo deve essere giustificato dalla qualità dei prodotti, dal locale, dalla presentazione e dalle capacità del barman/bartender. Sempre, in fondo, il contesto pesa sulla valutazione

This post is also available in: English (Inglese)

Fabrizio Doremi
Fabrizio Doremi (born 1977) CEO and Co-Founder of FoodiesTrip LLC. As a child shows particular interest for IT. After his technical diploma he enrolls for a Mathematics Degree Course at the University of Padova. His IT consultant activity starts at age 21 when he was working at Di-Tech S.p.A. in Bologna. He worked for 6 years on a project linked to the GDO and loyalty card integration and he works for the first time on an on-line project on national level (“conad.it”). At age 28 he founds Wiloca, a software solution firm that integrates the ERP procedures of the SISTEMI S.p.A.'s eSolver software to the e-commerce services of its customers. From 2012 to 2016 Wiloca will follow the re-digitization of Gambero Rosso S.p.A.'s portal/services. He is currently studying Communication at the University of Teramo.