lunedì, agosto 20, 2018
Foodies Legends

HANGOVER, 5 RIMEDI PER COMBATTERE IL DOPOSBORNIA CON IL CIBO

È sabato mattina. E nessuno legge qualcosa su internet il sabato mattina. Tranne quelli che ieri si sono presi una supersbornia e oggi sono in hangover. Ecco, dunque, i rimedi che state cercando

Ognuno combatte il doposbornia come può. Farmaci e alimenti si sprecano. C’è chi prende Maalox e birra, Fanta e Aulin o chi, semplicemente, fa di necessità virtù.

Gli infiniti rimedi per il doposbornia

D’altronde, provate voi a combattere il mal di testa quando per fare gli spavaldi – e da ubriachi – avete detto «Sì, andiamo» a chi vi proponeva di concludere la serata a Riccione, e ora siete su un lettino riminese, all’alba, a 200km dalla scatola di Oki Task che avete lasciato sul comodino. (Rileggendo il periodo avremmo preferito che fosse più lungo e confuso. Oddio, un po’ lo è, ma provate voi a mantenere la calma nel ricordare robe simili. E poi, sì, se ci leggete in hangover, dovete un po’ soffrire. Così la prossima volta ci pensate due volte prima di ubriacarvi!).

Bando alle ciance, la testa vi pulsa come un rubinetto di lavandino turato, e allora eccoli i rimedi che aspettavate:

Vodka

Sì vodka.  Dal paese dello Zapoj (un ubriacatura solenne, liturgica, che dura giorni e durante la quale, in stato di incoscienza, si viaggia sulle rotaie stese per la Grande Madre Russia) non ci si può attendere altro. A parte il fatto che secondo i russi non si può avere mal di testa e nausea se la sera si è bevuto solo vodka secca, se proprio avete il fegato delicato, tornate a bere un 100 grammi di vodka. Oppure, un sorsetto del succo tratto dai cetrioli in salamoia… e via andare!

Haejangguk

La “zuppa per eliminare la sbornia” è fatta di sangue di bue coagulato, cavolo, ossa di mucca, vertebre di maiale e verdure. In Corea va alla grande e si vende anche per strada. Altro che lo street food da fighetti di casa nostra!

Kokorec

Altro leggerissimo piatto di strada turco, il kokorec è fatto d’interiora di agnello, pomodoro, timo e pepe, il tutto servito sopra ad una fetta di pane tostato. Si possono ottenere variazioni sul tema scegliendo i polmoni piuttosto che il cuore, i reni o il fegato.

Uova

La zuppa Shijimi (molluschi e vongole), le uova crude, la zuppa di miso o umeboshi: ecco i rimedi più in voga in Giappone per le sbornie di sakè.

Prairie Oyster

Le uova si ritrovano anche in questo “resuscita-cadaveri” anglosassone (Gran Bretagna e Usa): uovo sbattuto, salsa Worcester, tabasco, sale e pepe nero. Insomma, se la sbornia non vi ha fatto vomitare, ecco chi vi assicura di rimettere.

This post is also available in: English (Inglese)

Pierluigi Capriotti
Mi chiamo Pierluigi Capriotti per la precisione. Nonostante una laurea in architettura faccio il giornalista. Scrivo sull’onda di monomanie transitorie e di altre croniche come la lettura, il futbol, i viaggi e il cibo. Quando scrivo faccio molti incisi – perché mi sembra sempre che ci sia da dire di più. Perché negli incisi infilo le mie passioni. In modo che siano sotto gli occhi di tutti ma da scorrere con discreta disinvoltura. Non ho mai tenuto in grande considerazione la saggezza. E, graziaddio, questo mi ha permesso di partire, con un matematico spiritualcreativo, un ingegnere informatico che suona il tema di Star Wars con le palette del caffè e un businessnerd a bordo di Foodiestrip. Con biglietto di sola andata. Senza ipotesi di ritorno.