FOODIESTRIP LANCIA L'APP IN CONCOMITANZA CON LA FINALE DEL PREMIO CAMBIAMENTI - Foodiestrip.blog
martedì, Maggio 21, 2019
Foodiestrip World

FOODIESTRIP LANCIA L’APP IN CONCOMITANZA CON LA FINALE DEL PREMIO CAMBIAMENTI

30 novembre 2017: da Roma, e dal palco della finale nazionale del Premio Cambiamenti, foodiestrip lancia la prima versione dell’App pensata per combattere le recensioni false

30Ci siamo: dopo un anno di sviluppo serrato, e quasi 5 di progettazione, la prima versione dell’applicazione di foodiestrip è disponibile da oggi su Apple Store e Google Play.

Il “go live” odierno, inoltre, corrisponde con il gran finale del Premio Cambiamenti, manifestazione organizzata dalla CNA e indirizzata alle migliori startup del panorama italiano.

Al premio potevano partecipare tutte quelle imprese nate a partire dal 2014, e dalle 711 iniziali le finaliste si sono ristrette a 25.

Tra queste c’è foodiestrip, che forte del sistema Repeer, e dunque di un check-in e delle recensioni capaci di sgretolare il mercato delle recensioni false (ormai giunto a rappresentare il 35% del totale), avrà anche modo di partecipare alla Maker Faire di Roma, in programma a partire da domani.

Della Maker Faire, però, abbiamo già parlato e parleremo nei prossimi giorni. Oggi, invece, rimaniamo in attesa del risultato del Premio Cambiamenti 2017, che sarà assegnato da una giuria di economisti, tecnici e uomini della cultura, presieduta dal Dott. Di Vico del Corriere della Sera.

Dunque a tra poco con gli aggiornamenti da Roma! Nel frattempo, cominciate a scaricare l’Appe provate anche voi a dare una spallata al vecchio sistema!

 

Commenti

Commenta qui .....

This post is also available in: English (Inglese)

Barbara Ficetola
Mi chiamo Barbara Ficetola e vissi d’arte. Prima ho frequentato l’Istituto d’Arte, e poi l’Accademia delle Belle Arti di Firenze. Ah, permettetemi di raccontarvi una leggenda. Immaginate una laureanda alla presentazione della propria tesi. Una commissione immancabilmente distratta, al pari della relatrice di tesi. Poi la ragazza comincia a narrare: parla d’arte, e di come farla percepire ai non vedenti del centro bolognese “Francesco Cavazza”. L’arte visuale per eccellenza da una parte, dall’altra chi non può goderne. Leggenda vuole che i ciechi videro, e la relatrice distratta pianse. Strane storie le leggende. Non hanno futuro. Non hanno passato. Ma lasciano visioni del mondo. La mia visione artistica ora la dedico a Foodiestrip. E, promesso, non mi occupo più né di futuro, né di passato, né di leggende.