IL CLIENTE NON HA SEMPRE RAGIONE, PARTE 2° - Foodiestrip.blog
mercoledì, Novembre 20, 2019
, IL CLIENTE NON HA SEMPRE RAGIONE, PARTE 2°, Foodiestrip.blog
Idee

IL CLIENTE NON HA SEMPRE RAGIONE, PARTE 2°

Cosa è bene non fare a tavola? Il viaggio di foodiestrip prosegue, perchè non è vero che "il cliente ha sempre ragione"

Proviamo, dunque, ad aggiungere altre cinque norme a quelle già enunciate nell’articolo precedente:

  1. Evitiamo di richiamare l’attenzione dei camerieri con barriti o peggio ruggiti. Un ristorante non è una giungla, e noi non ne siamo i re.
  2. Rivolgiamoci ai camerieri con cortesia. Conviene anche a noi: tra i piatti che il personale serve c’è anche il nostro. E il tragitto tra cucina e tavolo è lungo…
  3. Non giochiamo con il cibo. Tutti noi siamo stati dodicenni e abbiamo utilizzato la mollica di pane per farne proiettili da lanciare. Ma le gite scolastiche hanno un inizio e una fine.
  4. Cerchiamo di tenere a bada l’euforia ed evitare schiamazzi. Alla coppia di fidanzatini non interessa le rivisitazioni dell’eurogol appena segnato nella partitella tra amici del giovedì.
  5. I ristoranti devono prevedere dei menu con gli allergeni illustrati. Ma se siamo allergici cerchiamo di aiutarli dichiarando le nostre necessità già in fase di prenotazione.

Nel prossimo articolo vi presenteremo le ultime cinque regole/inviti che chiariscano ulterioremente il perchè il cliente ha sempre ragione. Stay hungry, stay foodie!ù

 

Commenti

Commenta qui .....

This post is also available in: English (Inglese)

Pierluigi Capriotti
Mi chiamo Pierluigi Capriotti per la precisione. Nonostante una laurea in architettura faccio il giornalista. Scrivo sull’onda di monomanie transitorie e di altre croniche come la lettura, il futbol, i viaggi e il cibo. Quando scrivo faccio molti incisi – perché mi sembra sempre che ci sia da dire di più. Perché negli incisi infilo le mie passioni. In modo che siano sotto gli occhi di tutti ma da scorrere con discreta disinvoltura. Non ho mai tenuto in grande considerazione la saggezza. E, graziaddio, questo mi ha permesso di partire, con un matematico spiritualcreativo, un ingegnere informatico che suona il tema di Star Wars con le palette del caffè e un businessnerd a bordo di Foodiestrip. Con biglietto di sola andata. Senza ipotesi di ritorno.